La sala convegni strapiena lo scorso 3 maggio 2019 per l'incontro con lo scrittore (e insegnante) Paolo Malaguti, 

introdotto dalla presidente degli Studenti Veronica Baggio, che ha tenuto una lezione sulla Prima Guerra mondiale e sul significato della memoria. L'intervento è stato ricco di spunti, di provocazioni e di dati per capire non solo la grandiosità di quella guerra ma anche la rimozione della memoria collettiva che per tanti anni ha parlato di Grande Guerra solo con la retorica del Fascismo e dei suoi monumenti trionfali e solenni. La riflessione di Malaguti ha voluto indagare anche i motivi per cui ci furono, soprattutto in Italia, molti casi di renitenza, di diserzione, di disobbedienze, di insubordinazione, di contestazioni tra i militari e i civili. Dopo la lezione, Andrea Zancanaro di quarta classico ha rivolto alcune domande allo scrittore per indagare aspetti a volte trascurati a scuola sulla Grande Guerra: le alleanze internazionali, l'utilità della guerra, il ruolo dei nazionalismi ecc.