Non riusciamo a capire, noi del Cavanis, perché un presepio o un crocefisso, esposti in aula dovrebbero discriminare 

i bambini di religione diversa da quella cristiana. Presepio e  crocefisso rappresentano due segni della tradizione italiana, della nostra religione, della nostra identità.  Non sono mai stati segni esclusivi ma semmai inclusivi, non hanno mai rappresentato mancanze di rispetto per i ragazzi e le ragazze di origine straniera e che vengono ad abitare tra noi.  Esporre i segni della nostra cultura e della nostra tradizione non dovrebbe essere considerato una mancanza di rispetto verso chiunque...