Quando mi è stata proposta l'esperienza dei Giovani Ambasciatori delle Nazioni Unite, da subito ho pensato che sarebbe stata una grandissima opportunità che probabilmente 

non mi sarebbe più capitata . Ho sempre avuto delle grandi aspettative sia da un punto di vista didattico che di esperienza formativa personale . La parte dei tre mesi di studio e di formazione a Treviso mi ha permesso di imparare nozioni riguardo l'inglese diplomatico , la geopolitica e sicuramente essendo il corso quasi totalmente in inglese sono convinta che abbia arricchito il mio vocabolario . Inoltre preparando il Position Paper :un documento in cui abbiamo cercato di risolvere le problematiche dello stato che ci veniva assegnato , in base anche alle commissione di cui facevano parte; siamo riusciti a capire   il contesto sociale, giuridico e le relazioni intercorrenti con gli altri Stati.   Una volta arrivati a New York  abbiamo avuto alcuni giorni per visitare la città e poi abbiamo iniziato con simulazioni , conferenze , dibattiti ,riunioni e meeting anche presso il palazzo di vetro delle Nazioni Unite. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere nuovi ragazzi provenienti da tutto il mondo , insegnanti e diplomatici con i quali abbiamo potuto dialogare riguardo le negoziazioni per trovare delle risoluzioni finali alle diverse problematiche del proprio stato di cui poi terranno conto i diplomatici di carriera . È stata un'esperienza che mi arricchito molto e che consiglio vivamente.