Lunedì 30 giugno 2014,  42 alunni della nostra scuola Cavanis, dalla quinta Primaria alle seconde Superiori, partono per il tradizionale Camposcuola Cavanis  che si tiene a Monguelfo (Bz), in Val Pusteria, ospiti di Villa San Giuseppe, di proprietà della Diocesi di Bolzano, ma in gestione ad una Congregazione di Suore Laiche. 

A guidarli ci sono Padre Natale Sossai, in qualità di Religioso "ascoltatore" e "osservatore", e quattro insegnanti: Gloria Isma, Arianna Parise , Ettore Codemo ed il...solito (20 Campiscuola di fila!)  Tonietto Andrea. Negli ultimi dieci anni circa, questo Camposcuola vede il massimo di iscrizioni. Ciò significa che la formula "tiene".  Un Camposcuola non è un corso di Esercizi spirituali, non è una vacanza premio, non è neppure un Campus sportivo o quant'altro (come va di moda oggi) ma è un momento dove la scuola si fa verticalmente (dai più grandi ai più piccoli e viceversa) e mira alla crescita delle persone sul piano della socializzazione, dell'autonomia, del rispetto delle regole e..chi più ne ha più ne metta, prendendo ispirazione dalle Fede e dal Carisma Cavanis visti sullo sfondo, ma quasi mai trasformati in Riti. Perchè il Rito si esplicita, piuttosto,  nella gioia di stare assieme, nel lavoro di gruppo, nell'amicizia che nasce e cresce.In Val Pusteria, una delle vallate più suggestive d'Italia, Giove Pluvio permettendo. Ma poco importa: il Sole è dentro di noi!